L‘opinione di Gianfranco Muggianu

Pubblicato il 24 February 2013 10:44

immagine L‘opinione di Gianfranco Muggianu Andiamo comunque avanti con chi ci sta. La Zona Franca rappresenta la soluzione per imprimere una svolta all‘economia, altrimenti non sanabile, di una Regione da cui lo Stato Italiano non potrà spremere di più: non c‘è più niente, questo Stato ha già avuto molto più di quello che avrebbe dovuto avere. La vertenza entrate, l‘infinita serie di siti industriali avvelenati, il crimine dei poligoni e servitù militari, cui l‘Unione Europea non è estranea, testimoniano da soli il credito. Le norme ci sono, gli unici a non crederci siamo noi stessi con un servilismo inopportuno, valido solo a supportare carriere politiche risibili. La ZF non può limitarsi ad una serie di agevolazioni fiscali diffuse, se non in prima fase, in cui è urgente l‘abbattimento delle accise per dare immediato respiro a cittadini e imprese. La ZF deve essere uno strumento utile ad un progetto di Sardegna Sostenibile. Un Progetto Pilota Europeo in cui per la Sardegna ci sia una qu...alità della vita reale, misurabile. Vorrei una Sardegna da cui scompaia una volta per tutte l‘equivoco di un popolo fiero e coraggioso perché assistito, tenuto al cappio del lavoro precario, in cui la Politica ha semplicemente sostituito il caporalato della malavita. Vorrei una Sardegna che in ragione di un progetto serio, permetta una migliore qualità della vita e sia capace di attrarre le migliori energie intellettuali e umane, dal mondo intero. Un progetto che, per esempio, comprenda una serie di veti all‘insediamento di industrie inquinanti, che riconsideri i "vantaggi" territoriali di industrie che da sole valgono il 16% del PIL isolano. Un progetto coraggioso che affronti ineditamente anche la realtà di aree industriali compromesse, la cui respirazione artificiale potrebbe forse essere interrotta, orientando gli investimenti ad altre attività e a chiudere quelle stesse industrie ormai improponibili. Insomma ZF come veicolo per raggiungere gli obiettivi di un progetto per la Sardegna del futuro.


NOTA DEI MODERATORI.
Abbiamo tutti dei timori di quali saranno gli scenari dopo l‘applicazione delle norme sulla zona franca integrale. Turismo commerciale, discarica di scorie, calata di imprenditori e cementificatori senza scrupoli. Ci sara‘ senz‘altro un periodo di confusione: sta a noi cercare una nuova classe dirigente che finalmente veda protagonisti i sardi e le loro famiglie.


Commenti (4)

commentato il 11 March 2013 20:11
Buongiorno a tutti.
Faccio un appello, e spero vivamente non cada nel vuoto, affinchè vi sia veramente una volontà unanime di tutto il popolo sardo per la realizzazione della tanto sognata e sofferta zona franca. Ma ahimè, tutto ciò non basta. Partecipiamo con tanto sentimento alle riunioni, ma non ci poniamo minimamente il problema di come queste vengono organizzate e soprattutto con quali risorse. La proposta che sottopongo a tutti è quella di contribuire economicamente a sostegno di una causa che, pur essendo un diritto acquisito, necessita di sforzi (anche economici) notevoli. Mi faccio promotore di questa iniziativa, rendendomi disponibile per qualsiasi confronto costruttivo.

commentato il 8 March 2013 23:54
Sicuramente la ZF attirerà una moltitudine di imprese .aziende .società di molti settori del lavoro e commercio,ma non per questo dobbiamo allarmarci di cosa fare per organizzare tutto questo
in tutto il mondo ci sono ZF e vanno alla grande,noi siamo più stupidi degli altri ?? Si sa già come comportarsi in questi casi perchè le regole nelle ZF sono uguali per tutti in tutto il mondo !!

commentato il 3 March 2013 13:16
Ciao a tutti

non sono qui per fare propaganda o proselitismo, ma a me è piaciuto molto il discorso e le proposte del movimento 5 stelle per la sardegna, cerchiamo sostegno da parte loro per un nuovo governo autenticamente sardo (sul modello canarie) che ci porti alla realizzazione di un obiettivo raggiungibile :)

commentato il 24 February 2013 19:52
Hai proprio ragione , sta a tutti noi creare una nuova classe dirigente che sappia sfruttare i vantaggi che la zona franca ci porterà e che sopratutto abbia la forza di filtrare ed utilizzare a solo vantaggio dei sardi i nuovi investimenti che naturalmente attirerà la zona franca.


Per lasciare il commento è necessario fare il login
accedi al portale